Frammentazione

Quattro punti
non bastano
per le direzioni
della mia mappa

tra uno e l’altro
un sorriso e un baratro
un’idea e l’immobilità
la musica ed il silenzio

E così
se i cardinali arrancano
la bussola
trasformo in roulette
con un sabotaggio

che provo a sabotare
con un caffè
sperando
che anche alla bussola
piaccia l’aroma.

Deriva

Stellata la deriva.
Intervallata da sonni
durante risvegli indesiderati
da cordoni ombelicali tagliati.

Trascinamento coatto,
lento.

La Barca ruota attorno a lei,
senza bussola.
E se la terra fosse piatta
allungherei lo sguardo
cercando
la fine del mare.

Parvenze d’Albero

La corteccia
di solitudine subita
stratifica,
invisibile all’esterno.

E lo scudo
di giorno in giorno
inspessisce.
Dall’ansia
a mano a mano
difende.
Dai ricordi
a poco a poco
separa,
allontana.

E da indifesi
a corazzati
la paura marcia,
armata dello scudo
che per proteggerti,
in origine,
era nato.

Il Mostro e la Gelosia

vorrei riuscire
con qualche parola terribile
a condividere un po’ con voi
questo mio sentirmi mostro.

Ideando della lettura
una proprietà transitiva,
una osmosi.
Trasferimento utile
a sgravarmi
da questa bruttezza.

E maledetto me,
rieccomi nel circolo vizioso.

Prima di trovare
come ideare
il poc’anzi detto,
la dose di orrido
già sento
nelle vene fluire.

E mi chiedo se
la malefica creatura
svanirebbe
custodendola gelosamente.

Patente di Vita

36 anni di scuola
mi han insegnato
giusto qualche segnale.

Qui si guida da subito.
Per il foglio rosa
nessuna anzianità richiesta.

Come un Bla bla car
offri e ricevi passaggi,
mentre
chilometro per chilometro
aumentano
le pagine del libro dei quiz.

Le mappe cambian
ad ogni tua virata
dalla route 66
al ponte Morandi.

Con una nuova canzone
la radio ti rende felice
arriva un WhatsApp
un bagliore


il tonfo sordo.

in questo libro
lo STOP
sta in fondo.



Zero o Uno

Rugiada intrigante,

rugiada ammaliante,

gocce si destreggiano sinuose tra la folla,

carezzi e doni nuova luce.

 

Formicolio di Indiana Jones per il tuo mondo di schiuma.

Scelgono coordinate sbagliate,

pubblicizzando il proprio volersi male.

Perché?

Cadute di stile.

 

E quell’altro?

quell’altro predica l’odio senza l’ostentazione.

La logica è booleana

odio è odio come amore è amore.