Trasparenze temporali

Almeno ventanni ormai dal rilascio della prima,

dietro un vetro appannato la guardi creando spiragli.

 

Ti giri,

pochi secondi,

sorridi a chi ti siede a fianco.

Giusto il tempo di tastare la felicità,

ti volti,

dall altro lato un passeggero sfocato ti chiede chi sei.

Cerchi oltre un barlume di familiarità.

 

Fotogrammi si succedono veloci,

rapito da suono di vento e ticchettio ripetitivo.

Del passeggero sfocato, più neanche l’ombra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...